Comunita' Montana Valli Orco e Soana

Ti trovi in: Home

OIV

Organismo Indipendente di Valutazione della Performance - Dott.ssa Gisella ALFIERO

pdf.gifCurriculum Vitae

A seguito di svolgimento di selezione pubblica, il Consiglio della Comunità Montana ai sensi dell'art.12 del vigente regolamento di organizzazione, in qualità di Organo di Indirizzo Politico Amministrativo, ha nominato con deliberazione n.5 del 28/02/2011, la Dott.ssa Gisella ALFIERO Organismo Indipendente di Valutazione della Performance.

Il decreto legislativo 150/2009 prevede l'integrazione dei vigenti organismi di controllo in una struttura denominata "Organismo Indipendente di Valutazione della Performance" (OIVP).

Ogni amministrazione deve dotarsi di un tale organismo, composto da uno a tre membri nominati dal vertice politico-amministrativo previo parere della Commissione. L'OIVP avrà il sostegno di una struttura tecnica il cui responsabile deve possedere requisiti professionali attestati.

 

CARATTERISTICHE E FUNZIONI DEGLI ORGANISMI INDIPENDENTI DI VALUTAZIONE

Indipendenti e competenti - L'indipendenza di giudizio di questi nuovi organi è una condizione fondamentale. La legge prevede quindi per i membri degli OIVP l'incompatibilità con incarichi elettivi e con nomine o consulenze per conto di partiti politici e di organizzazioni sindacali. Questa limitazione vale al momento della nomina e per i tre anni precedenti la designazione. Una indipendenza necessariamente correlata alla responsabilità: si prevede, nel decreto legislativo 150/2009, che i sistemi premianti non siano erogati qualora l'Organismo non assolva i suoi compiti. I compiti, nonché le responsabilità degli OIVP, sono tali da richiedere professionalità e competenze specifiche, che dovranno essere sottoposte a parere da parte della Commissione per la valutazione, la trasparenza e l'integrità delle amministrazioni pubbliche.

Garantire le regole del gioco - L'OIVP garantisce che vengano utilizzate in modo corretto le linee guida fornite dalla Commissione su come pianificare, cosa e come misurare, cosa e come valutare. L'OIVP svolge un ruolo importante sugli esiti della valutazione, nella misura in cui propone all'organo di indirizzo politico-amministrativo la graduatoria sulla valutazione dei dirigenti di vertice e garantisce per l'intera amministrazione che l'attribuzione dei premi sia stata eseguita nel rispetto del principio del merito. In questo senso, l'OIVP è chiamato a validare la Relazione di performance presentata ogni anno dalle amministrazioni. Questo passaggio è imprescindibile per l'accesso ai sistemi premianti. Sul versante della trasparenza, l'OIVP garantisce che gli obblighi di trasparenza (Piano triennale, sito web) siano assolti dalle amministrazioni. Se questo non viene fatto, è previsto il divieto di erogazione dei sistemi premianti.

Dialogare - Se qualcosa non funziona nel sistema, l'OIVP lo deve riferire tempestivamente ai primi responsabili della performance, cioè i dirigenti e il vertice politico-amministrativo. Come già sottolineato, gli imprevisti succedono. Non si tratta di controllare per punire, ma si tratta in questa fase, di "correggere il tiro". Questo ruolo deve essere interpretato come quello di un "consulente interno" che accompagna l'amministrazione nel percorso di miglioramento. Di fronte a questa esigenza di un confronto costruttivo con i dirigenti responsabilizzati, occorre che l'Organismo abbia l'autorevolezza necessaria per essere ascoltato. L'OIVP deve in ogni caso sottoporre regolarmente al vertice politico-amministrativo una fotografia chiara sull'andamento della performance, cioè su come l'amministrazione sta operando per raggiungere gli obiettivi. Questa funzione di controllo strategico si ricollega ai nuovi obblighi del vertice politico-amministrativo previsto all'articolo 15 del decreto legislativo 150/2009. Al fine di valutare l'impatto del nuovo sistema di misurazione e di valutazione, gli OIVP devono curare ogni anno un'indagine sul benessere lavorativo. Queste informazioni sono utili per rafforzare il dialogo in seno alle amministrazioni, condizione necessaria al raggiungimento degli obiettivi.

Riferire - A volte le cose non funzionano perché c'è un problema di responsabilità (dirigenziale o meno) o di trasparenza. In questi casi l'OIVP deve riferire tali disfunzioni sia alla Commissione, sia alla Corte dei Conti, sia all'Ispettorato della Funzione Pubblica. Questa è una novità della riforma che si ispira al principio di trasparenza.